Serie C: Roma Volley, risveglio tardivo

Serie C: Roma Volley, risveglio tardivo

ERZA SCONFITTA ESTERNA

La Roma Volley riassapora la sconfitta in Serie C dopo ben cinque risultati utili consecutivi; cede 3-2 alla Fenice in trasferta dopo quasi due ore di gioco, ma resta seconda nel girone A a quota ventinove alla fine della quattordicesima giornata.

Al PalaFerretti il gruppo di coach Cristini non è carico e motivato come dovrebbe, si risveglia solo al terzo set per rimontare il momentaneo 2-0 neroarancio e spreca al tie-break la chance del suo terzo successo esterno di fila. Due importanti impegni attendono a breve i giallorossi: il primo è il loro esordio in Coppa Lazio di Serie C martedì 5 febbraio in casa del Volley Life Viterbo, mentre il secondo è l’anticipo della quindicesima giornata del campionato di Serie C in cui ospiteranno già la sera dopo l’Egeria Volley Club Nepi-Civita.

LA CRONACA DEL MATCH

L’inizio del primo set è una lotta punto a punto tra le due squadre, poi la Roma Volley, in vantaggio sul 5-7, inizia a perdere colpi tra attacchi murati e finiti a rete, difese e coperture deboli e, soprattutto, tanto spaesamento: fattori decisivi per il 25-12 neroarancio.

Per tutto il secondo set il sestetto ospite bracca quello di casa senza mai riuscire a portarsi in vantaggio; sul 22-21 cala di concentrazione e consente alla Fenice di inanellare tre punti.

Nel terzo set la fame di rivalsa aiuta i giallorossi sia a migliorare in difesa che a crescere in attacco: cecchino per eccellenza è Stirpe, autore di sette punti (incluso quello del 23-25 con una parallela da posto 4).

Il gruppo di coach Cristini nega chance di rimonta per tutto il quarto set a quello allenato da Giordani; spetta a Fameli marcare ben otto punti, tra i quali quello del 18-25 con una diagonale larga da posto 2.

Al tie-break la Roma Volley lotta a oltranza per vincere ai vantaggi, ma deve cedere 15-13 per non aver difeso a dovere una parallela avversaria proveniente da posto 2.

IL COMMENTO DI COACH CRISTINI

A fine gara un deluso coach Cristini commenta così la terza sconfitta esterna del suo gruppo: “Il nostro punto ottenuto in trasferta contro la Fenice è di certo guadagnato, poiché saremmo potuti tornare a casa davvero a mani vuote dopo una sola ora di gioco. Tecnicamente e tatticamente abbiamo solo sfigurato, anche se la causa di ciò va ricercata nel nostro approccio sbagliato agli allenamenti da metà gennaio.

Stare in alta classifica implica tanta motivazione e sudore ogni settimana, altrimenti mancheranno i risultati. Come squadra novizia dobbiamo essere più coscienti dei nostri mezzi e di rimontare tutti i match in qualunque momento. O correggiamo i nostri errori o rischiamo di non riconfermarci ai vertici del nostro girone”.

Claudio Sabbatini
Addetto Stampa Settore Giovanile Roma Volley

Il proseguimento della navigazione sul sito sarà inteso come accettazione automatica dell'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi